Ferazzoli: "La svolta contro Ferrara. Ora ai playoff senza timore"

Stampa

b_330_260_15593462_0___images_stories_0002.RassegnaStampa2015.16_gioia_vs_Palermo.jpgMissione compiuta per Le Farine Magiche che tagliano il traguardo dei playoff con il vento in poppa. E con lo spinnaker ancora aperto ora proveranno a sorprendere anche la capolista La Spezia. Si comincia domenica prossima in Liguria, poi gara-2 mercoledì 20 al Pala Cardito (ore 20). L’eventuale gara-3 ancora a La Spezia domenica 24 aprile. In palio c’è un posto in semifinale contro la vincente della serie tra Bologna e Palermo, peraltro entrambe vittime del momento d’oro arianese. A Palermo la settimana vittoria consecutiva è arrivata al termine dell’ennesima prestazione al di sopra delle righe. Un andamento simile a quella della scorsa stagione con accenti ancora più marcati. Dopo una partenza secondo copione, grazie anche ad un calendario agevole (4 vittorie nelle prime 6), le pesanti tegole degli infortuni dell’unica play di ruolo, Vargiu, e della trascinante Cupido hanno creato scompiglio. Il mercato tardivo ed incompleto ha fatto da preludio alla crisi con 11 sconfitte in 13 gare.

LA CURA FERAZZOLI E LA SVOLTA DI FERRARA - I playout erano già scritti, ma ecco l’esplosione, mentale, tecnica e tattica, accompagnata da una sentenza: “la cura Ferazzoli” produce i suoi effetti in primavera. “Credo che la chiave sia nel match di Ferrara in cui è iniziata questa striscia. Eravamo reduci da buone gare dove avevamo pagato cali di concentrazione. E’ un gruppo giovane che aveva bisogno di fiducia e di trovare sul campo riscontri al lavoro settimanale. Farlo con una squadra forte come Ferrara è stato ancora più importante. I problemi fisici di alcune giocatrici, gli stop di Cupido e Vargiu ci hanno complicato la vita, ma hanno avuto il loro risvolto positivo fortificando la panchina. Oggi, nuovamente al completo, ci ritroviamo un gruppo in cui tutte sono consapevoli delle loro potenzialità. Ne ha guadagnato anche la mia voce” sottolinea scherzando la trainer argentina.

GLI ADATTAMENTI E L'ESPLOSIONE DI CELMINA - Il momento magico oltre che coincidere con il rientro della mvp in casa ufitana, Rosa Cupido, ha visto il salto di qualità di Celmina: “L’esplosione di Ance è merito suo, ma anche dei sacrifici di tutto il gruppo e delle altre lunghe, Zanetti, Valerio e Albanese, che le permettono di giocare nel modo che le è più congeniale, fronte a canestro sfruttando i tagli, tirando dalla media o lunga distanza”. Se la squadra è cresciuta non è da meno la stessa Ferazzoli: “Sicuramente l’adattamento al gruppo è il terreno su cui mi sono confrontata di più. Questo non significa disconoscere la propria idea del basket. La più grande soddisfazione è vedere che oggi le ragazze riescono a fare quello che avevo immaginato per loro. E’ importante che siano loro a credere in quel che si fa. A noi dello staff tecnico spetta avere l’intelligenza di capire come arrivare allo scopo mettendo in campo strategie differenti a secondo del gruppo a disposizione. Quest’anno nel preparare le gare mi sono accorta che non funzionava l’approccio della scorsa stagione, creava ansia e confusione durante la gara. Abbiamo ovviato concentrandoci sulla preparazione di singoli aspetti difensivi che si sarebbero presentati nell’appuntamento successivo, ma senza incutere pressione ed attesa nell’analisi dell’avversaria di turno”.

PLAYOFF SENZA TIMORE - Ariano arriva ai play-off senza nulla da perdere: “Per tutte resterà una stagione importante dal punto di vista sportivo ed umano. Hanno dimostrato di saper reagire ad una situazione di difficoltà. Rispetto La Spezia. Contro di loro abbiamo disputato due buone gare. Dobbiamo ripartire dal match di ritorno dove le abbiamo messe in seria difficoltà. I cali di concentrazione non ci permisero di compiere un gran colpo. Non abbiamo nulla da perdere, giocheremo senza pressioni. C’è Reke, Linguaglossa, Costa, Reani e Granzotto, ma qui abbiamo Cupido, Valerio, Zanetti, Celmina e le altre”.

Joomla Templates and Joomla Extensions by ZooTemplate.Com

Web Master & Web Designer: Fiore Desiderato - Graphics Designer: Michele Roca