Ariano vince il derby con una stellare Celmina: la salvezza non è più lontana

Stampa

b_330_260_15593462_0___images_stories_0002.RassegnaStampa2015.16_esultanza_3_vs_Ferrara.jpgLe Farine Magiche Ariano piazzano il bis dopo la vittoria con Ferrara. A farne le spese stavolta è Stabia, che cede al termine di un derby intenso per 66-61. Mvp della gara, una super Ance Celmina, autrice di 23 punti e 9 rimbalzi. Successo reso ancora più speciale per la contemporanea sconfitta di Civitanova contro Ferrara: la salvezza non è più un miraggio.

LA GARA - Ariano con la divisa rossa con strisce bianche, schiera Paparo e Cupido con Maggi, Valerio e Celmina; Belfiore risponde inserendo Gallo e D'Avolio da guardie, con Brunelli, Negri e l'altra lettone Liga Vente.

C'è un perfetto equilibrio ad inizio gara: le lunghe arianesi fanno a sportellate su ambo i lati del campo; dall'altra Negri e Gallo rispondono colpo su colpo. Al settimo minuto di gioco, Valerio avvia il primo break della gara: una sua tripla con due transizioni ben chiuse da Cupido e Celmina, permettono alle leonesse di portarsi sul +7, prima che D'Avolio e una propositiva M. Falanga chiudessero il periodo sul 19-12.

Nel secondo, Ariano costruisce un parziale che potrebbe mettere una serie ipoteca alla gara. Al quindicesimo, dopo il 25-19 di Potolicchio, inizia l'assolo arianese: 6 punti di capitan Maggi e la bomba di Ance Celmina fissano il punteggio sul 39-24 per le ufitane. Brave le stabiesi a non crollare e a limitare i danni, con il break che chiude il primo tempo sul 39-30.

Il terzo quarto è favorevole alla CMO che mette il fiato sul collo alle arianesi. Le triple di Gallo mettono in soggezione Ariano che non riesce più a giocare con tranquillità, anche grazie alla pressione di una volitiva Stabia. Così Ariano rimane ferma a quota 47 punti, mentre le cugine martellano e conseguono un insperato vantaggio in chiusura di periodo, con Potolicchio: è il 47-49 per la CMO. Uno svantaggio che annienterebbe molte squadre, specie Ariano che prova, possesso dopo possesso e partita dopo partita, a costruirsi delle certezze.

C'è un sesto uomo in campo che riesce a fare finalmente la differenza al Palacardito: è il pubblico. Inizia l'ultimo periodo, con Le Farine Magiche che provano a riordinare le idee, cercando costanza dai playmaker a disposizione. Minervino alimenta il vantaggio stabiese (+4) ma è immediata la risposta della lunga lettone, Celmina. Il facile sottomano di Ortolani spaventa molto Ariano. Tuttavia le leonesse trovano la forza di ruggire e di ribaltare la gara. Il fallo subito da Zanetti, che porta la veneta ai liberi, fa esplodere il pubblico che ha voglia di vincere il derby. Il vantaggio è siglato dalla ritrovata Rosa Cupido, che piazza il 54-53 da cui Stabia non riesce più a sollevarsi.

Soprattutto per colpa di Ance Celmina, che sigla la terza tripla della serata e suggella la sua magica serata, nel derby lettone contro Vente. Grazie ai liberi, Stabia ha un sussulto d'orgoglio, anche spinta dai vivaci sostenitori accorsi al Palacardito. Ma ancora Zanetti trova lo spazio giusto per infilare i due punti che a 53 secondi dal termine spengono ogni velleità stabiese. Finisce 66-61 per Le Farine Magiche che non ribaltano la sciagurata differenza canestri dell'andata ma trovano continuità di risultati dopo il successo con Ferrara.

Le belle notizie arrivano anche da Civitanova, con la vittoria di Ferrara sulla squadra locale. La classifica dice che Ariano si trova a due punti dalle marchigiane e a quattro dal tandem Stabia-Viterbo. Nel prossimo turno ci sarà l'altro derby con Salerno, con l'incrocio interessante a Castellammare tra Stabia e Civitanova: nel prossimo turno, il viaggio verso la salvezza vivrà un altro step decisivo.

Joomla Templates and Joomla Extensions by ZooTemplate.Com

Web Master & Web Designer: Fiore Desiderato - Graphics Designer: Michele Roca