Guerri: "Gruppo solido, usciremo dalla crisi"

Stampa

b_330_260_15593462_0___images_stories_0002.RassegnaStampa2015.16_guerri_vs_viterbo_3.jpgAd Ariano arriva la capolista La Spezia. Il match in programma domani al Pala Cardito (ore 18) contro una della due formazioni ancora imbattute delle serie A2 (l’altra è la schiacciasassi Broni nel girone A) appare sulla carta proibitivo. Eppure le rossoblù potrebbero giovarsi del ruolo di underdog, come dicono gli americani, per provare a regalarsi un’impresa. C’è da modificare la pendenza del piano inclinato su cui si sono incamminate: sette sconfitte nelle ultime otto gare. L’obiettivo è provare a riagganciare il nono posto ed uscire dalla zona play-out. In ogni caso è opportuno anche prepararsi al peggio con una squadra differente. Innanzitutto recuperando Cupido. La play-guardia arianese non è ancora scesa sul parquet nel 2016. Potrebbe farlo domani anche se le riserve per un suo impiego in extremis non sono state ancora sciolte. Il presidente Cirillo continua la caccia alla lunga da inserire entro fine mese allorquando il mercato chiuderà i battenti. Intanto coach Ferazzoli si gode il buon impatto di Giorgia Guerri. La 21-enne playmaker di Avola, allevata da Santino Coppa a Priolo, ha dimostrato di avere lo stesso gusto deciso del vino della sua terra. A Viterbo il suo impatto è stato decisivo almeno fino al black-out finale. “Mi piace il tipo lavoro impostato dalle nostre coach. Hanno una visione della pallacanestro che collima molto con la mia. Gli allenamenti sono intensi, non abbiamo pause fisiche e mentali” commenta l’ultima arrivata. “Le ragazze sono un gruppo unito, hanno voglia di crescere. Mi sembra il posto giusto. Pian piano sto entrando nei meccanismi di squadra”. Proprio il ruolo di spicco disegnato per lei da coach Ferazzoli l’ha convinta a rimettersi in gioco dopo alcuni mesi di stop seguiti alla promozione in A2 con Palermo. “Il coach mi ha chiesto prendere le redini della squadra, di assumermi delle responsabilità e mettere le compagne in condizioni di rendere al massimo”. Basket e studio per lei anche ad Ariano: “Sono molto legata alla mia terra. Studio Giurisprudenza a Catania. Tengo molto al basket, ma non perdo di vista lo studio che resta la mia priorità. Giornalmente alterno studio ed allenamenti”. Pochi svaghi, ma di qualità: “Ho una passione per il cinema e la letteratura. Pirandello, Vittorini ed Orwell sono i miei autori preferiti”. Il messaggio all’ambiente è chiaro: “Sono ottimista, stiamo lavorando bene, ho fiducia in questo gruppo. Il segreto è mantenere alta la concentrazione alta e non lasciarsi abbattere dalla classifica. Nello spogliatoio c’è fame di vittoria. Ne verremo fuori”.

Il programma della 18^ (Serie A2 – Girone B): Viareggio - Bologna (07/02 ore 18); Ferrara - Palermo (06/02 ore 15); Salerno - Empoli (06/02 ore 19.30); Ariano Irpino - La Spezia (07/02 ore 18); Ancona - Viterbo (06/02 ore 19.30); Brindisi - Civitanova M. (06/02 ore 18); Stabia - Castel S. Pietro (06/02 ore 19). Classifica: La Spezia 34; Ferrara 30; Castel S. Pietro 24; Palermo 22; Bologna 20; Empoli, Stabia, Viterbo 18; Civitanova M. 14; Ariano Irpino 12; Viareggio 10; Brindisi, Ancona, Salerno 6.

Acsi – Sarà la madre di tutte le partita per Buglione & co. Questo pomeriggio al Palazauli di Battipaglia (palla a due alle 17), le avellinesi si giocheranno una buona fetta di salvezza. Nell’ultimo turno della regular season renderanno visita alla Gls Battipaglia con cui condividono l’ultimo posto in classifica a quota due punti. Risale proprio al match di andata l’unico successo dell’Acsi. Ripetersi significherebbe staccare in classifica la giovane formazione di coach Cavaliere portandosi sul 2-0 negli scontri diretti ed avendo la possibilità di giocare in casa il successivo confronto diretto nella fase ad orologio che partirà tra 15 giorni. In pratica una seria ipoteca sul penultimo posto e la conseguente permanenza in serie B.

Joomla Templates and Joomla Extensions by ZooTemplate.Com

Web Master & Web Designer: Fiore Desiderato - Graphics Designer: Michele Roca